Chirurgia mini invasiva

Chirurgia mini invasiva

La generalizzazione per più di 20 anni di tecniche artroscopiche in chirurgia ortopedica (meniscectomia ricostruzione di legamento crociato, la riparazione della cuffia dei rotatori …) è stato utilizzato per valutare la loro importanza nel recupero del paziente post-operatorio.

Oltre alla riduzione o eliminazione di cicatrici, consentono una riduzione del dolore postoperatorio, riabilitazione molto più facile e significativamente maggiore recupero funzionale, pur garantendo una riparazione o la ricostruzione di qualità equivalente a quello che sarebbe stato fatto a cielo aperto.

Naturalmente, i chirurghi hanno cercato di estendere queste tecniche di chirurgia mini invasiva per gli interventi chirurgici più pesanti come la chirurgia protesica. Il loro sviluppo è stato dai primi anni 2000 per l’impianto di protesi totale d’anca. Lavorando sulle tecniche di poso protesico, abbiamo progressivamente indipendentemente l’approccio chirurgico utilizzato, ridurre la lunghezza delle nostre incisioni e quindi il trauma chirurgico mantenendo la stessa qualità e la precisione dei nostri impianti protesici.

Chirurgie mini invasive - chirurgie orthopédique niceL’incisione standard da 15 a 20 cm è stato cosi ridotta a una incisione di circa 6-7 cm per pazienti di dimensioni normali del corpo.

Ho usato queste tecniche dal 2004. Esse riducono la durata della degenza.

L’abbandono delle stampelle è progressivamente posibile a partire dalla seconda settimana postoperatoria. Se la riduzione è meno drammatico per la protesi totale del ginocchio, dei supporti specifici sono stati sviluppati per le protesi unicompartimentale permettendo di ridurre le dimensioni della incisione e soprattutto per evitare quasi tutti primo livello e quadricipite. queste tecniche ed i loro benefici sono ora validati durante il primo mese postoperatorio anche se oltre l’esercizio, i risultati convergono con tecnica tradizionale. Fanno parte delle tecniche chirurgiche standard e standardizzate.